Commissione europea: previsioni economiche d’estate

Nel rapporto della Commissione europea sulle previsioni economiche d’estate sono   confermate le stime di maggio, l’Italia è il paese europeo che cresce di meno nella zona euro, per l’anno venturo le stime di crescita si dovrebbero attestare a circa la metà di quelle attese per l’Eurozona (+1,4% nel 2020).

Il Pil del nostro paese risente positivamente dell’aumento dei consumi privati, dovuti all'introduzione del reddito di cittadinanza, ma risente negativamente del mercato del lavoro meno dinamico e dall'aumento dei risparmi preventivi. GM