Il Consiglio dei Ministri approva il ddl “Codice Rosso”

Violenza sessuale, atti persecutori e lesioni aggravate commessi in contesti familiari o di convivenza, saranno portate direttamente al PM che dovrà sentire la donna entro tre giorni, consentendo al magistrato di valutare immediatamente l'eventuale sussistenza delle esigenze cautelari.

il Ddl approvato dal Consiglio dei Ministri “Codice Rosso”, si propone dimodificare l'articolo 347 del codice penale, prevedendo una corsia preferenziale per le denunce e i casi di violenza contro le donne, accelerando lo svolgimento delle indagini e le procedure di giustizia.

Il Ddl prevede anche una parte relativa alla formazione delle forze dell’ordine e della polizia penitenziaria. GM