Recovery Plan. Ok del Consiglio dei Ministri al piano Italiano

Piano da 222,9 miliardi: "Il più grande mai visto in Italia"

Il Recovery Plan è stato approvato nella notte dal Consiglio dei Ministri con l'astensione delle Ministre Teresa Bellanova ed Elena Bonetti. Il Piano nazionale di ripresa e resilienza da 222 miliardi circa di fondi europei sarà inviato per il via libera finale alla Camera dei Deputati e al Senato. Il Piano dovrà dare attuazione al programma Next Generation EU, varato dall'Unione europea per integrare il Quadro finanziario pluriennale (QFP) 2021-2027 e rilanciare l'economia dopo la crisi Covid. "L'azione di rilancio del Paese delineata dal Piano, si legge in una nota di Palazzo Chigi, è guidata da obiettivi di policy e interventi connessi ai tre assi strategici condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, inclusione sociale. Il Piano consente di affrontare, in modo radicale, le profonde trasformazioni imposte dalla duplice transizione, ecologica e digitale, una sfida che richiede una forte collaborazione fra pubblico e privato". Sei le missioni principali che a loro volta raggruppano 16 componenti: Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura; Rivoluzione verde e transizione ecologica; Infrastrutture per una mobilità sostenibile; Istruzione e ricerca; Inclusione e coesione; Salute. R.M.